Centro recupero e disabilità

Diritti

La Struttura ottempera ai requisiti di tutela della privacy come da D. Lgs. 196/2003. Ai sensi di detto decreto, all’atto dell’inserimento in trattamento, l’utente firma un modulo che autorizza il Centro al trattamento dei dati personali esclusivamente per fini istituzionali.

Ai sensi dell’art.14 comma 5 del D.L. 502/92, modificato dal D.L. 517/93 è attivato il servizio reclami che permette di:

  1. Ricevere osservazioni, opposizioni o reclami in via amministrativa, presentate dai soggetti di cui all’art. 3 del presente regolamento 
  2. Provvedere a dare tempestiva risposta al reclamante da parte della Direzione 
  3. Fornire al reclamante tutte le informazioni e quant’altro necessario per garantire la tutela dei diritti riconosciuti dalla normativa vigente in materia
  4. Predisporre, quando non si sia potuto eliminare la causa del reclamo, la risposta firmata dalla Direzione in cui si dichiari che le anzidette conclusioni non impediscono la proposizione, in via giurisdizionale, ai sensi dell’art. 14 comma 5 del D.L. 502/92 modificato dal D.L. 517/93
  5. Gli Utenti (o i familiari aventi diritto) hanno diritto a richiedere ed ottenere informazioni sulle loro condizioni rivolgendosi allo specifico banco accettazione o al terapista o direttamente al case manager.
  6. L’ Utente ha diritto ad una presa in carico che gli permetta di essere oggetto di cure globali non limitate al solo trattamento terapeutico.

Sono soggetti legittimati agli atti di cui al comma a) del precedente art.1, tutti gli utenti, parenti o affini. Suddetti soggetti possono esercitare il proprio diritto presentando osservazioni, opposizioni o reclami entro 15 gg. dal momento in cui l’interessato abbia avuto conoscenza dell’atto o del comportamento contro cui voglia opporsi. Le modalità di presentazione sono le seguenti:

  • Lettera in carta semplice indirizzata ed inviata alla Direzione
  • Colloquio con il Coordinatore di riferimento

Doveri

Questa clinica è luogo di cura, pertanto è richiesta a tutti, degenti e visitatori, un’attiva collaborazione per poter garantire un elevato standard di assistenza. Il rispetto dei principi basilari di ordine e pulizia facilita il compito di chi è preposto alla cura dei pazienti.

Il paziente è tenuto ad osservare tutte le disposizioni del presente regolamento ed, in particolare, è obbligato a rispettare gli orari stabiliti per le terapie, i pasti, le visite e la presenza nei diversi reparti. Inoltre:

  • I pazienti ed i visitatori sono tenuti ad assumere un comportamento rispettoso del silenzio e della tranquillità, parlando a bassa voce durante le visite ed i trattamenti.
  • È proibito introdurre alimenti dall’esterno. Eventuali deroghe alla presente disposizione vanno richieste ai Responsabili dei diversi servizi ed autorizzate dal Direttore Sanitario.
  • È proibito introdurre apparecchiature elettriche quali fornelli elettrici, stufe, asciugacapelli, etc.
  • È severamente vietato l’accesso alla struttura tramite le scale di emergenza o passaggi di servizio.
  • È vietato l’utilizzo di telefoni cellulari come da Decr. N6 del 14/07/999 del difensore civico della Campania.
  • L’ Utente è tenuto a segnalare qualunque circostanza personale attinente il suo abbigliamento che possa determinare pregiudizio alla sicurezza del trattamento (calzature facilmente sfilabili, pantofole, etc).  

È assolutamente vietato l’ingresso nei Reparti ai bambini di età inferiore ai dodici anni non accompagnati.

Il rilascio di eventuali referti all’interessato o al familiare delegato è previsto dalle ore 9.00 alle ore 18.00 presso il banco accettazione.

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

Diritti dell’utente

La Struttura ottempera ai requisiti di tutela della privacy come da D. Lgs. 196/2003 e smi. 

Ai sensi di detto decreto, all’atto dell’inserimento in trattamento, l’utente firma un modulo che autorizza il Centro al trattamento dei dati personali esclusivamente per fini istituzionali.

Ai sensi dell’art.14 comma 5 del D.L. 502/92, modificato dal D.L. 517/93 è attivato il Servizio reclami che permette di:

  1. Ricevere osservazioni, opposizioni o reclami in via amministrativa, presentate dai soggetti di cui all’art. 3 del presente regolamento 
  2. Provvedere a dare tempestiva risposta al reclamante da parte della Direzione (Sanitaria)
  3. Fornire al reclamante tutte le informazioni e quant’altro necessario per garantire la tutela dei diritti riconosciuti dalla normativa vigente in materia
  4. Predisporre, quando non si sia potuto eliminare la causa del reclamo, la risposta firmata dalla Direzione in cui si dichiari che le anzidette conclusioni non impediscono la proposizione, in via giurisdizionale, ai sensi dell’art. 14 comma 5 del D.L. 502/92 modificato dal D.L. 517/93
  5. Gli Utenti (o i familiari aventi diritto) hanno diritto a richiedere ed ottenere informazioni sulle loro condizioni rivolgendosi allo specifico banco accettazione o al terapista o direttamente al case manager.
  6. L’ Utente ha diritto ad una presa in carico che gli permetta di essere oggetto di cure globali non limitate al solo trattamento terapeutico.

Doveri dell’utente

Questa clinica è luogo di cura, pertanto è richiesta a tutti, degenti e visitatori, un’attiva collaborazione per poter garantire un elevato standard di assistenza.

 Il rispetto dei principi basilari di ordine e pulizia facilita il compito di chi è preposto alla cura dei pazienti.

Il paziente è tenuto ad osservare tutte le disposizioni del presente regolamento e, in particolare, è obbligato a rispettare gli orari stabiliti per le terapie, i pasti, le visite e la presenza nei diversi. Inoltre:

  • Si raccomanda l’uso attento ed accurato delle suppellettili e dell’arredamento della Casa di Cura. Eventuali danni causati saranno addebitati al paziente.
  • I pazienti ed i visitatori sono tenuti ad assumere un comportamento rispettoso del silenzio e della tranquillità, parlando a bassa voce durante le visite ed i trattamenti.
  • È proibito introdurre alimenti dall’esterno. Eventuali deroghe alla presente disposizione vanno richieste al Caposala o ai Responsabili dei diversi servizi ed autorizzate dal Direttore Sanitario.
  • È proibito introdurre apparecchiature elettriche quali fornelli elettrici, stufe, asciugacapelli, etc.
  • È severamente vietato l’accesso alla struttura tramite le scale di emergenza o passaggi di servizio.
  • È vietato l’utilizzo di telefoni cellulari come da Decreto. N6 del 14/07/999 del difensore civico della Campania.
  • L’ Utente è tenuto a segnalare qualunque circostanza personale attinente il suo abbigliamento che possa determinare pregiudizio alla sicurezza del trattamento (calzature facilmente sfilabili, pantofole, etc).  

È assolutamente vietato l’ingresso nel Reparto Degenze ai bambini di età inferiore ai dodici anni.

L’Amministrazione si riserva il diritto di dimettere dalla clinica o di allontanare i familiari che vengano meno all’osservanza del presente regolamento.

LABORATORIO D’ANALISI

Diritti dell’utente

Ai sensi dell’art. 14 comma 5 del D.L. 502/92 e s.m.i. è attivato il servizio reclami che permette di:

Ricevere osservazioni, opposizioni o reclami in via amministrativa, presentate dai soggetti; 

Provvedere a dare tempestiva risposta al reclamante da parte della Direzione;

Fornire al reclamante tutte le informazioni e quant’altro necessario per garantire la tutela dei diritti riconosciuti dalla normativa vigente in materia;

Predisporre, quando non si sia potuto eliminare la causa del reclamo, la risposta firmata dalla Direzione in cui si dichiari che le anzidette conclusioni non impediscono la proposizione, in via giurisdizionale, ai sensi dell’art. 14 comma 5 del D.L. 502/92 e s.m.i.

Sono soggetti legittimati agli atti di cui al comma precedente  tutti gli utenti, parenti I soggetti individuati all’art.2 possono esercitare il proprio diritto, presentando osservazioni, opposizioni o reclami, entro 15 gg, dal momento in cui l’interessato abbia avuto conoscenza dell’atto o comportamento contro cui voglia opporsi, in uno dei seguenti modi:

Lettere in carta semplice, indirizzata e inviata alla Direzione 

Colloquio con il Biologo di servizio. Il Direttore sanitario provvede a comunicare per vie brevi, ai Responsabili chiamati in causa, i contenuti dei ricorsi affinché essi adottino le misure necessarie per rimuovere i disservizi verificatisi. 

Doveri dell’utente

Il paziente è tenuto al rispetto dell’orario previsto per i prelievi, dalle ore 8,00 alle ore 10,30 dal lunedì al sabato di tutti i giorni feriali ed anche al rispetto dell’orario di ritiro dei referti che è dalle 11,00 alle 18,00 dal lunedì al venerdi e dalle 8,00 alle 14,00 del sabato, in maniera tale da evitare inutili picchi di flusso al servizio reception che si dovrebbe contemporaneamente occupare sia dell’utenza presente per l’accettazione mattutina che di quelle sopraggiunte per il ritiro dei referti.

Il paziente è tenuto al rispetto scrupoloso delle indicazioni comunicate dal personale del settore di Medicina di Laboratorio per le prestazioni prenotate.

Il paziente è tenuto ad espletare tutte le procedure amministrative prima di effettuare il prelievo, la consegna di campioni biologici o qualsivoglia prestazione dal servizio di laboratorio.

Il paziente è tenuto a prendere nota della normativa vigente in materia di diritto alla privacy, non richiedendo notizie al personale di medicina di Laboratorio che possano violare quanto disposto dalla succitata legge, nei confronti di se stesso o di terzi (ritiro di analisi di familiari senza opportuna delega, richiesta telefonica dei risultati).

Al fine della salvaguardia della propria incolumità, il paziente è tenuto a trattenersi nei locali di laboratorio, il tempo strettamente necessario per il prelievo ematico o microbiologico o per la consegna di campioni biologici, evitando di circolare liberamente nei suddetti locali senza espressa autorizzazione del personale preposto. 

Nelle strutture sanitarie è vietato l’uso dei telefoni cellulari (v. decr. N6 del 14-07-1999 del difensore civico della Campania.)

I pazienti ed i visitatori sono tenuti ad un comportamento rispettoso del silenzio e della tranquillità, parlando a bassa voce durante la permanenza nella struttura evitando di fare schiamazzi. È inoltre opportuno che i visitatori utilizzino un abbigliamento consono con l’ambiente ospedaliero. Il paziente è tenuto a manifestare la propria soddisfazione o insoddisfazione per il servizio ricevuto utilizzando esclusivamente i moduli previsti allegati alla presente, reperibili alla reception, o richiedendo un appuntamento col responsabile del servizio.

Degenze

Diritti dell’utente

La Struttura ottempera ai requisiti di tutela della privacy come da D.Lgs 196/2003

Ai sensi di detto decreto all’atto dell’inserimento in trattamento l’utente firma un modulo che autorizza il Centro al trattamento dei dati personali esclusivamente per fini istituzionali. 

È attivato il servizio reclami che permette di:

1. Ricevere osservazioni, opposizioni o reclami in via amministrativa;

2. Provvedere a dare tempestiva risposta al reclamante da parte della Direzione;

3. Fornire al reclamante tutte le informazioni e quant’altro necessario per garantire la tutela dei diritti riconosciuti dalla normativa vigente in materia;

Doveri dell’utente

Questo Ospedale è un luogo di cura e, pertanto, è richiesta a tutti, degenti e visitatori, un’attiva collaborazione per poter garantire un elevato standard di assistenza; il rispetto dei principi basilari di ordine e pulizia facilita il compito di chi è preposto alla cura dei pazienti. 

Il degente è tenuto ad osservare tutte le disposizioni del presente regolamento ed in particolare è obbligato a rispettare gli orari stabiliti per le terapie, i pasti, le visite e la presenza in reparto.

  • Il paziente, o un familiare (nel caso in cui il paziente non sia nelle condizioni psicofisiche di provvedere), dovrà sottoscrivere, all’ammissione, una dichiarazione con la quale si impegna al versamento di un deposito cauzionale (sotto forma di deposito cauzionale infruttifero) ed al pagamento degli extra (ad es.: telefono, etc.) e di quant’altro gli potrà occorrere, non specificamente previsto dalla retta di degenza (ad es.: consulenze private, indagini o trattamenti non compresi nella retta etc.) .
  • Ogni sette giorni l’Amministrazione presenterà il conto all’obbligato e questi dovrà provvedere al pagamento, lasciando invariato il deposito.
  • L’ uso della televisione, nelle camere a più letti, è consentito con pagamento settimanale di euro 8,00 a carico del paziente che ne fa richiesta e sempre che vi sia l’assenso degli altri pazienti ricoverati nella stessa camera.
  • Ai familiari del paziente viene rilasciata una tessera identificativa; essa va conservata accuratamente anche dopo il termine della degenza per la richiesta ed il ritiro della cartella clinica. 
  • La Casa di Cura non risponde degli oggetti e del denaro non depositati all’atto del ricovero. 
  • Il trasferimento del degente presso altra camera è disposto dal caposala, che ne terrà informato il Primario. La Direzione Sanitaria si riserva il diritto di cambiare camera senza che questo comporti una modificazione della retta; tale cambiamento può avvenire tra camere della stessa classe.
  • Le terapie mediche vengono somministrate dagli infermieri di turno in base agli orari ed alle modalità prescritte dai medici di reparto.
  • È assolutamente vietata l’assunzione arbitraria e l’introduzione di farmaci dall’esterno.
  • Su richiesta del paziente, o dei suoi familiari, possono essere tenuti consulti medici ai quali dovranno partecipare il Primario o, comunque, almeno un medico della struttura. La richiesta su cui andrà riportata data, ora presumibile, motivazione e nome dello specialista-consulente, va inoltrata al Primario o al Direttore Sanitario, almeno 5 giorni prima del consulto. Sarà comunque garantito al medico consulente l’accesso alla documentazione e la trasmissione di informazioni. Il compenso del consulente esterno è a carico del richiedente.
  • Le visite ai degenti, per un massimo di due (2) visitatori per volta sono consentite negli orari stabiliti dalla Direzione Sanitaria, opportunamente esposti all’ingresso del reparto.
  • È vietato l’accesso ai reparti di degenza al di fuori di tali orari, tranne per casi motivati ed espressamente autorizzati dai medici della Casa di Cura.
  • I parenti dei degenti a cui sia stata autorizzata la permanenza in reparto, non possono introdurre sedie o lettini. Gli orari consentiti per il cambio della presenza sono: dalle 7.30 alle 8.30 al mattino, e dalle 19.30 alle 20.00 la sera.
  • Ai visitatori non è consentito sedersi sul letto, introdurre e consumare cibi o bevande nelle stanze di degenza e nelle sale di attesa.
  • È inoltre vietato sostare nelle camere di degenza mentre vengono effettuate visite mediche, trattamenti riabilitativi o durante la somministrazione della terapia, i cambi letti, i cambi degli ammalati e le pulizie.
  • È vietato l’accesso ai reparti di degenza ai bambini di età inferiore a 12 anni.
  • È vietato introdurre animali.
  • Si raccomanda inoltre l’uso attento e accurato delle suppellettili e dell’arredamento della Casa di Cura. Eventuali danni causati saranno addebitati.
  • I pazienti ed i visitatori sono tenuti ad un comportamento rispettoso del silenzio e della tranquillità, parlando a bassa voce durante le visite moderando il volume della radio e della televisione ed evitando di fare schiamazzi. È inoltre opportuno che i visitatori utilizzino un abbigliamento consono con l’ambiente ospedaliero (si eviti, ad es. di accedere alla struttura in ciabatte o similari, etc.)
  • Per favorire il riposo notturno è obbligatorio il silenzio dalle ore 20.00 alle ore 7.00.
  • È proibito introdurre alimenti dall’esterno: eventuale deroga alla presente disposizione va segnalata al caposala ed autorizzata dal Direttore sanitario.
  • È vietato portare all’interno della clinica apparecchiature elettriche quali ad esempio: fornelli elettrici, stufe, asciugacapelli etc.
  • Non è permesso ai degenti di allontanarsi arbitrariamente dalla clinica; i pazienti non presenti alle normali rilevazioni del personale di reparto saranno considerati automaticamente dimessi.
  • È severamente vietato l’accesso alla struttura tramite le scale d’emergenza.

È assolutamente vietato l’ingresso in reparto ai bambini di età inferiore ai 12 anni.

L’Amministrazione si riserva di dimettere dalla clinica i pazienti e di allontanare i familiari che vengano meno all’osservanza del presente regolamento.